Lo scompenso cardiaco si fa social: al via “I Love Life”

//Lo scompenso cardiaco si fa social: al via “I Love Life”
Cino, un cuore stilizzato che accompagnerà le iniziative di sensibilizzazione sullo scompenso cardiaco Condividi il Tweet

Lo scompenso cardiaco colpisce quasi un milione di italiani causando circa 190 mila ricoveri l’anno: tra autodiagnosi e fake news, una campagna di comunicazione integrata mira a fornire una corretta informazione scientifica. 

Lo scompenso cardiaco si fa social: al via “I Love Life”

Poco conosciuto e poco diagnosticato nonostante sia la seconda causa di morte in Italia: per portare l’attenzione su questa patologia è stata presentata a Milano la campagna “I love life” dedicata a pazienti e loro familiari, che prevede una serie di attività sul territorio nazionale e il lancio di una pagina Facebook dedicata.

Il problema è che è una patologia che non sempre mostra sintomi evidenti, ma che  costringe spesso il paziente a dover progressivamente limitare le proprie attività quotidiane.

La campagna “I love life” si deve all’iniziativa di Novartis, col patrocinio dell’Associazione Italiana Scompensati Cardiaci (AISC).

Protagonista della campagna è Cino, un cuore stilizzato che accompagnerà le iniziative.

Tra gli elementi principali dell’iniziativa, il lancio della pagina Facebook , dove è possibile trovare informazioni sulla patologia e seguire le iniziative della campagna.

I “Cino Days” saranno una serie di incontri fra medici, pazienti e cittadini.

Il primo appuntamento si è già svolto a marzo a Torino e proseguiranno in Sicilia, Campania, Veneto e in Emilia Romagna. In particolare ci saranno tre eventi di sensibilizzazione rivolti al pubblico in programma a Torino il 12 maggio, a Napoli il 16 giugno e a Verona il 29 settembre Giornata Mondiale del Cuore.

By |2018-07-06T14:47:41+00:00aprile 27th, 2018|0 Commenti

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.