Stampa 3D: rivoluzione per la produzione dei farmaci

/, Marika Romagnoli/Stampa 3D: rivoluzione per la produzione dei farmaci
Le stampanti 3D semplificano la produzione dei farmaci e ne riducono notevolmente i costi. Condividi il Tweet

Grazie alla stampa 3D, sorge all’orizzonte una nuova Rivoluzione: stavolta riguardo la produzione dei farmaci.

Stampa 3D: rivoluzione per la produzione dei farmaci

Questa tecnica è stata descritta sulla rivista Science, messa a punto nell’Università scozzese di Glasgow: grazie alla stampa 3D sarebbe possibile ottimizzare la produzione farmaceutica sia in termini di complessità che economici.

Si tratterebbe di farmaci a basso costo e su misura, che comporterebbero dei vantaggi anche in termini di personalizzazione delle terapie.

La stampa 3D è già stata ampiamente sperimentata sui materiali più svariati: plastica, metallo, addirittura sul cibo. Per i farmaci, elemento fondamentale della tecnica è un software in grado di eseguire analisi chimiche e “maneggiare” moduli di plastica, assemblandoli secondo le istruzioni.

Il primo farmaco “stampato” in 3D è stato il baclofene. Con questo risultato “si apre la porta alla possibilità di ottener molecole complesse su richiesta e in ambienti di produzione non tradizionali”, ha commentato Christian H. Hornung (Consiglio nazionale delle ricerche australiano – Csiro).

Questa tecnologia rivoluzionerebbe il mercato per alcuni aspetti messi in evidenza dallo stesso Hornung:

# Produzione farmaci in base alle esigenze del singolo.

# Decentramento della produzione dai grandi impianti a ospedali e studi medici.

# Produzione su piccola scala.

Che dire: potremo considerarla un’ottima idea regalo per le festività dei prossimi 10 anni?
By | 2018-01-19T09:52:03+00:00 gennaio 19th, 2018|0 Commenti

Scrivi un commento