GreenItaly 2017: la ricerca sull’ecosostenibilità di Big Pharma

/, Marika Romagnoli/GreenItaly 2017: la ricerca sull’ecosostenibilità di Big Pharma
GreenItaly17: Il report sull'impatto ambientale di Big Pharma Condividi il Tweet

Unioncamere e Fondazione Symbola hanno redatto il report GreenItaly 2017, per analizzare i dati inerenti l’impatto ambientale delle industrie farmaceutiche. I dati emersi mettono in evidenza due situazioni contrastanti, e uno scenario futuro ambito dal punto di vista professionale.

GreenItaly 2017: la ricerca sull’ecosostenibilità di Big Pharma

Qual è l’impatto ambientale del Big Pharma?

GreenItaly 2017 ha analizzato l’impatto ambientale di BigPharma e dell’industria farmaceutica. Dalla ricerca ne sono emersi principalmente tre aspetti:

# Risultati positivi per l’energia rinnovabile

La maggior parte delle aziende effettua investimenti per l’approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili, e oltre la metà di queste ha intenzione di continuare a investire in questa politica ambientale.

Le emissioni di CO2 sembrano essersi ridotte del 27 % per ogni unità di prodotto, e gli investimenti “green” incrementati dell’80%.

 

#Risultati negativi per lo smaltimento dei rifiuti

Le politiche aziendali sono molto più concentrate sulle energie rinnovabili, e meno sulla gestione e lo smaltimento dei rifiuti.

Nonostante questo, il report mette in evidenza il fatto che l’Italia può definirsi all’avanguardia rispetto agli standard europei dal punti di vista dello smaltimento di questa tipologia di rifiuti, in quanto ha elaborato un sistema di ritiro e smaltimento dei resi farmaceutici gestito dagli operatori del settore.

Il dato triste, tuttavia, è che a inquinare non sono solo le aziende: le analisi di Altroconsumo sottolineano che la prima fonte di inquinamento sono proprio i pazienti!

 

# Nuove opportunità lavorative

GreenItaly 2017 ha messo in evidenza il fiorire di nuovi sbocchi lavorativi proprio in questa direzione. Non sarà, infatti, raro imbattersi in ricerche di figure professionali specializzate in marketing ambientalecontrollo di qualitàcontrollo ambientale, ingegneria energetica e economia ambientale: le nuove opportunità nel settore della “chimica verde” danno speranza ai giovani e al pianeta al tempo stesso.

 

Qui è disponibile il Rapporto completo Fondazione Symbola-Unioncamere.

 

 

 

By | 2017-12-21T12:12:04+00:00 dicembre 21st, 2017|0 Commenti

Scrivi un commento