Oggi 24 Aprile, si celebra la Giornata Mondiale contro la Meningite, tante le iniziative in tutto il mondo e in Italia, per far luce su una malattia subdola, che a volte si confonde con un’influenza, ma che – solo nel nostro Paese – colpisce ogni anno più di 1.000 persone.

Seppure la Medicina compia ogni giorno passi in avanti tali da rendere possibili la guarigione di malattie molto gravi «curare la meningite – afferma Alberto Villani, Presidente SIP (Società Italiana di Pediatria) – è ancora oggi una sfida persa. In realtà disponiamo di un’arma sicura ed efficace: la vaccinazione».

Anche Michele Conversano, Presidente della Società Italiana di Igiene, Sanità Pubblica e Medicina Preventiva (SItI) sottolinea con fermezza L’importanza del vaccino: «Finalmente abbiamo la possibilità di ridurre consistentemente l’impatto della malattia meningococcica nella popolazione infantile attraverso la vaccinazione, unico strumento in grado di proteggere da questa terribile infezione e di salvare molti giovani vite».

 

Vaccini e Web

È un dato assodato che le persone, e quindi anche le madri, cerchino informazioni sulla salute in rete. La disinformazione, però, continua a dilagare e il web – a volte – si trasforma nel luogo di elezione per imbattersi nelle cosiddette bufale, che quando riguardano la salute, rischiano di essere molto pericolose. Ecco perché le campagne di informazioni sui social relative ai vaccini rivestono un ruolo di primissimo piano.

La CoMO (Confederation of Meningitis Organisations), l’organizzazione internazionale che lotta per ridurre l’incidenza e l’impatto della meningite oggi rappresenta 45 organizzazioni in 27 Paesei, per la giornata 2017 ha lanciato la campagna: “24 Hours – Trust your instincts”, in italiano resa con “Non aspettare. Fidati del tuo istinto”.

Invece ONDA(Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna) ha lanciato sui social un progetto di informazione e sensibilizzazione dedicato alle mamme sull’importanza della prevenzione vaccinale, con il contributo incondizionato di Pfizer, che vedrà protagonisti anche gli ospedali con i Bollini Rosa.

«Un’informazione chiara, corretta e basata su solide evidenze scientifiche – sostiene Francesca Merzagora, Presidente ONDA – consente di scegliere consapevolmente e responsabilmente per la salute propria e dei propri figli. Un diritto e un dovere irrinunciabile per compiere un atto di responsabilità non soltanto individuale ma anche sociale».

Per scaricare la pubblicazione informativa clicca qui.